Recupero Spese Condominiali

18 Febbraio 2020

enza

Norme e Decreti

0

Il Condominio può fornire in giudizio la prova della corretta applicazione dei criteri di ripartizione

L’assenza del piano di riparto non esclude la legittimazione ad agire dell’amministratore per il recupero delle spese condominiali.

 

Il Tribunale di Frosinone afferma che l’assenza di approvazione del riparto non fa venire meno la legittimazione ad agire dell’amministratore dI condominio per ottenere un decreto ingiuntivo, ben potendo in caso di opposizione essere fornita prova, da parte del condominio, della corretta applicazione dei criteri di ripartizione. Nel caso di specie, è stato prodotto in giudizio dal condominio uno schema di riparto della spesa, elaborato sulla base delle tabelle millesimali, nel quale è indicata la quota a carico dell’odierna opponente. Sono stati altresì prodotti il contratto di appalto stipulato con l’impresa scelta, il computo metrico estimativo delle opere e le fatture emesse dall’appaltatrice, con la prova dei relativi pagamenti. Il calcolo della quota gravante sulla condomina deve quindi ritenersi correttamente eseguito.(Tribunale di Frosinone, sentenza n. 82 del 28 gennaio 2020).

Post by Enza Di Marco

Comments are closed.