IMU

17 Febbraio 2020

enza

Norme e Decreti

0

Soggettività passiva in presenza di un fabbricato di proprietà di un soggetto terzo

 

Ai fini IMU non rileva che l’immobile sia di terzi e che l’assegnatario non sia titolare, neppure prò quota, del diritto di proprietà. Pertanto, la soggettività IMU sempre al coniuge assegnatario. (CTP BOLOGNA N.88 del 10 gennaio 2020).

 

L’assegnazione della casa coniugale all’ex coniuge, disposta a seguito di un provvedimento di separazione legale, si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione. A tal proposito, i giudici bolognesi contestano il ragionamento del Comune. Difatti, la soggettività passiva non si verificherebbe solo laddove il proprietario fosse l’altro coniuge in quanto tale limitazione non è individuabile nel testo normativo e l’esenzione/agevolazione deve applicarsi a prescindere dal proprietario del bene. Del resto, come indicato nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11416/2019 (caso di convivenza more uxorio), il legislatore ha codificato la traslazione della soggettività passiva dal proprietario all’assegnatario senza stabilire ulteriori vincoli.

Post by Enza Di Marco

Comments are closed.